Anteprima Karl Borromaus Ruthart

L'Aquila, Borgo Rivera, MUNDA, Museo Nazionale d'Abruzzo

ore 19,00 del 24 agosto, 2017 - Mostra

Anteprima Karl Borromaus Ruthart,  esposizione  dei bozzetti dei dipinti realizzati per la Chiesa di Santa Maria di Collemaggio, grandiosa opera del   pittore  e monaco celestino. Evento inserito  nel programma  della 723ma  Perdonanza.  Giovedì 24 agosto ore 19.00 MUNDA

“Con il restauro sono state recuperate le vere pennellate dell’artista, facendo uscire dall’oblio soggetti nascosti da invadenti ridipinture, come nel caso del secondo leone in “San Pietro Celestino salva una donna dai Saraceni”. E’  Lucia Arbace, direttore del Polo Museale dell’Abruzzo, a descrivere con orgoglio il lavoro eseguito dal il Consorzio  le Arti che è intervenuto sulle tele,  restaurate con un finanziamento degli Amici dei Musei e dei Beni Culturali e del Serra Club,  seguito dal Direttore del Museo Nazionale d’Abruzzo dell’Aquila Mauro Congeduti.

In questo modo, onorando lo spirito del fondatore del movimento celestiniano, il Munda partecipa con i suoi tesori alla Perdonanza  attraverso l’anteprima di una grande mostra sul pittore e monaco celestino Carl Borromaus Ruthart  che sarà allestita nel 2018 a Danzica, città dove nacque intorno al 1630.  Ma chi era questo apprezzato  pittore di cacce e animali selvaggi, rappresentati con attenzione anatomica e in contesti svariati, e le cui opere erano visibili nelle navate della Basilica di Collemaggio fino al terremoto del 2009.

Il pittore, dopo aver  lavorato ad Anversa, Ratisbona,  Vienna e Roma  divenne  monaco celestino con il nome di Padre Andreas nel 1672, quando già era molto   famoso per il suo talento. Dopo la conversione si trasferì a Santa Maria di Collemaggio a L'Aquila, dove  sembrerebbe aver vissuto e lavorato per il resto della vita. In oltre quarant'anni di attività  mise la sua arte a disposizione dell'ordine realizzando un significativo numero di tele, con storie della vita di San Pietro Celestino,  San Benedetto e  Santa Scolastica, ritratti dei celestini, soggetti animalistici, paesaggi, nature morte, molti dei quali, oggi, al Museo dell'Aquila. Motivi ricorrenti dei suoi soggetti sono quelli della letteratura eremitica, monaci che ammansiscono le fiere alla cui scelta  deve aver senz'altro influito la singolare vena animalistica del Ruthart e  gli ambienti selvaggi che  si sposavano con la spartana vita eremitica intrisa di spiritualità. Numerose sue opere appartengono ai  principali  musei del mondo:  l’Hermitage di San Pietroburgo, il Getty Museum di Los Angeles, il Kunsthistorisches Museum di Vienna, il Louvre di Parigi, il Museo di Capodimonte a Napoli, la Staatsgalerie di Stoccarda, il  Museo di Danzica e il Museo Nazionale d’Abruzzo a L'Aquila, e in altre  importanti collezioni europee pubbliche e private. 

Inaugurazione della mostra giovedì 24 agosto alle ore 19.00, MUNDA – Museo Nazionale d’Abruzzo alla presenza dei finanziatori del restauro: Amici dei Musei e dei Beni Ambientali, Presidente Ing. Franco Dus  e  Serra Club dell'Aquila, presieduto dalla prof. Rita Leonardi. Il Consorzio le Arti è composto dalle restauratrici  Silvia Pissagroia, Elisabetta Biscarini, Antonella Amoruso, Giulia Cervi.
Ruthart 1 prima del restauro
Ruthart 1 dopo il restauro
Ruthart 2 prima del restauro

Ruthart 2 dopo il restauro

Ufficio stampa Polo Museale dell’Abruzzo -  MuNDA Museo Nazionale d’Abruzzo, Borgo Rivera, tel. 0862.28420 e mail: munda.ufficiostampa@beniculturali.it; pm-abr@beniculturali.it.