“Festa del XX Ottobre"

Magliano dei Marsi (AQ)

22 ottobre, 2017 - Festa

Magliano dei Marsi è un comune della provincia di L’Aquila di circa 3700 abitanti ai piedi del monte Velino. Per la sua posizione geografica l’Abruzzo, nel periodo risorgimentale, fu uno dei teatri principali dello scontro tra la fazione liberale filo-piemontese e quella reazionaria filo-borbonica, nella Marsica si susseguirono disordini provocati dallo scontro tra le due fazioni soprattutto tra il settembre e l’ottobre del 1860. Il 16 ottobre 1860 il generale De La Grangericevette l’ordine di recarsi nella Marsica per ristabilire l’autorità borbonica nei paesi insorti. Il 20 ottobre 1860 il generale si diresse verso  Magliano con circa 600 uomini per distruggere il paese ma il tentativo fallì per un intervento prodigioso dei Santi protettori del paese. L’episodio, raccontato da Domenico Scipioni in uno scritto del 1930, narra che quando il generale si avvicinò alla chiesa di Santa Lucia vide San Giovanni e San Paolo, vestiti da soldati romani, che con le mani alzate gli intimavano di fermarsi; a tale visione il generale desistette dal suo intento e ordinò la ritirata al suo esercito. Secondo un’altra versione il figlio del generale la notte precedente l’assedio sognò due giovani soldati romani, in compagnia di una signora, che gli intimavano di lasciare il paese; la mattina dopo all’interno della chiesa di Santa Lucia riconobbe nelle statue dei santi Giovanni e Paolo e nella Madonna i protagonisti del sogno, riferitolo al padre il generale La Grangeordinò alle sue truppe il ritiro immediato dal paese. Da questo evento prende origine la Festa del 20 Ottobreistituita dal consiglio comunale il 22 ottobre 1861. Ogni anno il comune di Magliano, con la collaborazione delle associazioni cittadine e tantissimi volontari, organizza una rievocazione  storica per ricordare i drammatici eventi; sul sagrato della chiesa parrocchiale di Santa Lucia figuranti in costume ricordano il tragico incontro tra l’esercito borbonico guidato da DeLa Grange e la popolazione maglianese. Un corteo di popolani, cavalieri e briganti in abiti d’epoca si snoda per i vicoli e le piazzette del paese tra scene di vita popolare e canti del risorgimento facendo rivivere un evento storico per non dimenticare il passato.

Magliano dei Marsi è un comune della provincia di L’Aquila di circa 3700 abitanti ai piedi del monte Velino. Per la sua posizione geografica l’Abruzzo, nel periodo risorgimentale, fu uno dei teatri principali dello scontro tra la fazione liberale filo-piemontese e quella reazionaria filo-borbonica, nella Marsica si susseguirono disordini provocati dallo scontro tra le due fazioni soprattutto tra il settembre e l’ottobre del 1860. Il 16 ottobre 1860 il generale De La Grangericevette l’ordine di recarsi nella Marsica per ristabilire l’autorità borbonica nei paesi insorti. Il 20 ottobre 1860 il generale si diresse verso  Magliano con circa 600 uomini per distruggere il paese ma il tentativo fallì per un intervento prodigioso dei Santi protettori del paese. L’episodio, raccontato da Domenico Scipioni in uno scritto del 1930, narra che quando il generale si avvicinò alla chiesa di Santa Lucia vide San Giovanni e San Paolo, vestiti da soldati romani, che con le mani alzate gli intimavano di fermarsi; a tale visione il generale desistette dal suo intento e ordinò la ritirata al suo esercito. Secondo un’altra versione il figlio del generale la notte precedente l’assedio sognò due giovani soldati romani, in compagnia di una signora, che gli intimavano di lasciare il paese; la mattina dopo all’interno della chiesa di Santa Lucia riconobbe nelle statue dei santi Giovanni e Paolo e nella Madonna i protagonisti del sogno, riferitolo al padre il generale La Grangeordinò alle sue truppe il ritiro immediato dal paese. Da questo evento prende origine la Festa del 20 Ottobreistituita dal consiglio comunale il 22 ottobre 1861. Ogni anno il comune di Magliano, con la collaborazione delle associazioni cittadine e tantissimi volontari, organizza una rievocazione  storica per ricordare i drammatici eventi; sul sagrato della chiesa parrocchiale di Santa Lucia figuranti in costume ricordano il tragico incontro tra l’esercito borbonico guidato da DeLa Grange e la popolazione maglianese. Un corteo di popolani, cavalieri e briganti in abiti d’epoca si snoda per i vicoli e le piazzette del paese tra scene di vita popolare e canti del risorgimento facendo rivivere un evento storico per non dimenticare il passato.

Magliano dei Marsi è un comune della provincia di L’Aquila di circa 3700 abitanti ai piedi del monte Velino. Per la sua posizione geografica l’Abruzzo, nel periodo risorgimentale, fu uno dei teatri principali dello scontro tra la fazione liberale filo-piemontese e quella reazionaria filo-borbonica, nella Marsica si susseguirono disordini provocati dallo scontro tra le due fazioni soprattutto tra il settembre e l’ottobre del 1860. Il 16 ottobre 1860 il generale De La Grangericevette l’ordine di recarsi nella Marsica per ristabilire l’autorità borbonica nei paesi insorti. Il 20 ottobre 1860 il generale si diresse verso  Magliano con circa 600 uomini per distruggere il paese ma il tentativo fallì per un intervento prodigioso dei Santi protettori del paese. L’episodio, raccontato da Domenico Scipioni in uno scritto del 1930, narra che quando il generale si avvicinò alla chiesa di Santa Lucia vide San Giovanni e San Paolo, vestiti da soldati romani, che con le mani alzate gli intimavano di fermarsi; a tale visione il generale desistette dal suo intento e ordinò la ritirata al suo esercito. Secondo un’altra versione il figlio del generale la notte precedente l’assedio sognò due giovani soldati romani, in compagnia di una signora, che gli intimavano di lasciare il paese; la mattina dopo all’interno della chiesa di Santa Lucia riconobbe nelle statue dei santi Giovanni e Paolo e nella Madonna i protagonisti del sogno, riferitolo al padre il generale La Grangeordinò alle sue truppe il ritiro immediato dal paese. Da questo evento prende origine la Festa del 20 Ottobreistituita dal consiglio comunale il 22 ottobre 1861. Ogni anno il comune di Magliano, con la collaborazione delle associazioni cittadine e tantissimi volontari, organizza una rievocazione  storica per ricordare i drammatici eventi; sul sagrato della chiesa parrocchiale di Santa Lucia figuranti in costume ricordano il tragico incontro tra l’esercito borbonico guidato da DeLa Grange e la popolazione maglianese. Un corteo di popolani, cavalieri e briganti in abiti d’epoca si snoda per i vicoli e le piazzette del paese tra scene di vita popolare e canti del risorgimento facendo rivivere un evento storico per non dimenticare il passato.

Magliano dei Marsi è un comune della provincia di L’Aquila di circa 3700 abitanti ai piedi del monte Velino. Per la sua posizione geografica l’Abruzzo, nel periodo risorgimentale, fu uno dei teatri principali dello scontro tra la fazione liberale filo-piemontese e quella reazionaria filo-borbonica, nella Marsica si susseguirono disordini provocati dallo scontro tra le due fazioni soprattutto tra il settembre e l’ottobre del 1860. Il 16 ottobre 1860 il generale De La Grangericevette l’ordine di recarsi nella Marsica per ristabilire l’autorità borbonica nei paesi insorti. Il 20 ottobre 1860 il generale si diresse verso  Magliano con circa 600 uomini per distruggere il paese ma il tentativo fallì per un intervento prodigioso dei Santi protettori del paese. L’episodio, raccontato da Domenico Scipioni in uno scritto del 1930, narra che quando il generale si avvicinò alla chiesa di Santa Lucia vide San Giovanni e San Paolo, vestiti da soldati romani, che con le mani alzate gli intimavano di fermarsi; a tale visione il generale desistette dal suo intento e ordinò la ritirata al suo esercito. Secondo un’altra versione il figlio del generale la notte precedente l’assedio sognò due giovani soldati romani, in compagnia di una signora, che gli intimavano di lasciare il paese; la mattina dopo all’interno della chiesa di Santa Lucia riconobbe nelle statue dei santi Giovanni e Paolo e nella Madonna i protagonisti del sogno, riferitolo al padre il generale La Grangeordinò alle sue truppe il ritiro immediato dal paese. Da questo evento prende origine la Festa del 20 Ottobre istituita dal consiglio comunale il 22 ottobre 1861. Ogni anno il comune di Magliano, con la collaborazione delle associazioni cittadine e tantissimi volontari, organizza una rievocazione  storica per ricordare i drammatici eventi; sul sagrato della chiesa parrocchiale di Santa Lucia figuranti in costume ricordano il tragico incontro tra l’esercito borbonico guidato da DeLa Grange e la popolazione maglianese. Un corteo di popolani, cavalieri e briganti in abiti d’epoca si snoda per i vicoli e le piazzette del paese tra scene di vita popolare e canti del risorgimento facendo rivivere un evento storico per non dimenticare il passato.

 

Altri appuntamenti

Lungo le antiche rue

Civitella Roveto (AQ) | 20, 21, 22 ottobre, 2017

Civitella Roveto è situata a fondovalle sulle due sponde del fiume Liri, ai piedi dei monti Simbruini, le sue origini sono antichissime come conferma la recente ...

“Festa del XX Ottobre"

Magliano dei Marsi (AQ) | 22 ottobre, 2017

Magliano dei Marsi è un comune della provincia di L’Aquila di circa 3700 abitanti ai piedi del monte Velino. Per la sua posizione geografica l’Abruzz...

Festa della castagna

Sante Marie (AQ) | 28 - 29 ottobre, 2017

Sante Marie è un piccolo comune della provincia di L’Aquila di circa 1000 abitanti, posto ai confini con il Lazio a pochi chilometri di distanza da Roma. Q...